+39 388 388 35 13 [email protected]

A rischio la libera informazione in Italia?

21 Maggio 2020

Comments

A rischio la libera informazione in Italia?

Apro un post per un promemoria, per tenerne traccia, per poi ritornarci e scrivere come la penso. E’ simpatico però appurare nel frattempo come i debunkers smentiti da Massimo Mazzucco, seguano sempre gli stessi schemi.

Giovanni

Messaggio a Zingaretti

DEBUNKERS: c’è posta per voi

YOUTUBE RIMUOVE IL TERZO VIDEO CONSECUTIVO DI BYOBLU: CHI C’È DIETRO? Claudio Messora

IL NUOVO SCONTRO DI CIVILTÀ È SULL‘INFORMAZIONE. …E inizia adesso! #Byoblu24

Twitter, i 5 profili italiani ″super diffusori″ di fake news sul coronavirus

NewsGuard: “Ecco le dieci pagine Facebook che diffondono in Italia disinformazione sul coronavirus”

Così il coronavirus minaccia anche la libertà di stampa. Il nuovo rapporto di Reporter senza frontiere – LifeGate

In Ghana e Burkina Faso più libertà di stampa che in Italia

2020 World Press Freedom Index | Reporters Without Borders

Libertà di stampa nel mondo, Rsf: «In Italia pesa il numero di giornalisti sotto protezione»

Libertà di stampa: l’Italia sale di due posizioni. Pesa il numero dei giornalisti sotto scorta

SHADOW BANNING definizione

Shadow banning

From Wikipedia, the free encyclopedia
 
 
Jump to navigationJump to search

Shadow banning, also called stealth banningghost banning or comment ghosting,[1] is the act of blocking or partially blocking a user or their content from an online community so that it will not be readily apparent to the user that they have been banned. For instance, shadow banned comments posted to a blog or media site will not be visible to other persons accessing that site from their computers.

By partly concealing, or making a user’s contributions invisible or less prominent to other members of the service, the hope may be that in the absence of reactions to their comments, the problematic or otherwise out-of-favour user will become bored or frustrated and leave the site, and that spammers and trolls will not create new accounts.[1][2][3]

Shadow ban

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.
 
 
Jump to navigationJump to search

Shadow ban (letteralmente «ban ombra», chiamato anche shadow banningstealth banghost ban o comment ghosting) è un termine proveniente dalla lingua inglese, utilizzato per riferirsi ad un’azione di moderazione che consente di nascondere un determinato utente da una comunità online, oppure di rendere invisibili i contenuti da lui pubblicati ad altri utenti.

Si differenzia dal ban propriamente detto, in quanto l’account o il profilo dell’utente interessato non viene bandito e/o eliminato dalla piattaforma e i suoi contenuti non vengono cancellati, ma resi non fruibili dagli altri utenti o da una parte di essi, oppure non visualizzati nelle funzioni di ricerca e/o dai feed delle notizie in evidenza (ovvero i cosiddetti trending topics). Inoltre, a differenza del ban vero e proprio, all’utente interessato non viene solitamente notificata l’azione di moderazione intrapresa nei suoi confronti. Ne consegue che l’utente in questione ne rimane completamente all’oscuro e/o non si accorge dello shadow ban.

Sebbene esempi di pratiche simili siano individuabili già a partire dagli anni ’70 e ’80[1], lo shadow ban è entrato nel dibattito pubblico nel secondo decennio del XXI secolo, con il diffondersi di Internet e dei social network.

Ad oggi raramente i fornitori di servizi sospettati di adoperare questa pratica ne ammettono apertamente il loro utilizzo. Lo shadow ban è inoltre al centro di alcune teorie del complotto, secondo le quali chi diffonda in rete alcuni contenuti ritenuti scomodi venga spesso oscurato dai social media o dai motori di ricerca[2][1].

Mark Zuckerberg Confronted About Facebook Vaccine Questioning Censorship

L’accusa di complottismo: la “fallacia ad hominem” per screditare il dissenso

Benvenuti da Enrica Perucchietti giornalista e scrittrice

Hits: 41

subscribe reciprocal influence y-tube channel

Related Posts

Le aziende “Don Bosco” e quelle “Hubspot”

Le aziende “Don Bosco” e quelle “Hubspot”

Le aziende "Don Bosco" e quelle "Hubspot" Le aziende "Don Bosco" e quelle "Hubspot" Quando ero piccolo c'era un professore all'Università che ogni volta che parlava mi faceva sognare ad occhi aperti. Era Il Professore Maiocchi , correva l'anno 1989. In quei periodi...

Truffe telefoniche e schemi

Truffe telefoniche e schemi

Truffe telefoniche e schemi: come i truffatori possono utilizzare il tuo telefono per sfruttarti: come difendersi e rimanere aggiornati

0 Comments

0 commenti

Rispondi

Pin It on Pinterest

Share This
×

Powered by WhatsApp Chat

×