+39 388 388 35 13 [email protected]

Coronavirus Manila Ipotesi di un alleggerimento della Quarantena

8 Aprile 2020

Comments

Coronavirus Manila Ipotesi di un alleggerimento della Quarantena

COVID-19 cases in PH up by 104; total at 3,764

Number of cops suspected with COVID-19 increasing

Numero di poliziotti sospettati di aumentare di COVID-19
Emmanuel Tupas (The Philippine Star) – 6 aprile 2020 – 12:00

MANILA, Filippine – Il numero di agenti di polizia sospettati di essere infettati dalla malattia di coronavirus 2019 (COVID-19) è in aumento, poiché la polizia nazionale filippina (PNP) sta vivendo una fornitura in diminuzione di equipaggiamento protettivo per il suo personale.

Un totale di 14 membri del personale PNP è risultato positivo al test COVID-19, inclusi due poliziotti deceduti dopo aver combattuto la malattia infettiva.

L’ultimo caso è quello di un membro dello staff non in uniforme, una donna di 63 anni assegnata a Luzon Centrale, portavoce del PNP Brig. Il generale Bernard Banac ha detto durante il fine settimana.

Ventotto agenti di polizia sono stati aggiunti all’elenco dei pazienti indagati (PUI), portando il numero del personale di polizia che mostrava i sintomi del virus a 239.

Nel frattempo, ora ci sono 1.620 membri del personale PNP classificati come persone sotto monitoraggio (PUM) o coloro che hanno avuto contatti con pazienti positivi a COVID-19, con l’aggiunta di 20 casi.

“Sono tutti sottoposti a una rigorosa quarantena in isolamento a casa, quindi potrebbero essere monitorati dai nostri medici”, ha dichiarato Banac in filippino in un’intervista su dzBB.

Mentre hanno ancora abbastanza dispositivi di protezione individuale (DPI), Banac ha ammesso che potrebbero verificarsi una carenza di approvvigionamento in futuro.

“Questo non durerà. Abbiamo ancora bisogno di forniture aggiuntive “, ha detto.

Quando gli è stato chiesto il numero di equipaggiamento protettivo in possesso del PNP, Banac ha detto in un messaggio di testo che stanno aspettando un rapporto consolidato dalle loro unità sul campo.

Alcuni agenti di polizia stanno ora utilizzando maschere facciali riutilizzabili per risparmiare sulla fornitura di maschere chirurgiche monouso che sono più necessarie agli operatori sanitari di prima linea.

Banac ha lodato le persone e le organizzazioni non governative che hanno donato maschere per il viso e altri dispositivi di protezione per il loro personale.

“Grazie a tutti coloro che hanno continuamente donato”, ha detto.

Nel frattempo, almeno 400 vigili del fuoco del Bureau of Fire Protection (BFP) sono in quarantena per possibile infezione da COVID-19.

I dati del BFP hanno mostrato che 49 membri del personale BFP, 26 dei quali a Metro Manila, sono elencati come PUI dopo aver manifestato i sintomi della malattia infettiva.

Gli altri 23 sono assegnati in altre regioni del paese.

CDO applica un sondaggio da casa a casa per tracciare i possibili vettori COVID-19

MANILA, Filippine – Il governo della città di Cagayan Oro ha iniziato a condurre un “sondaggio casa per casa” per rintracciare e isolare immediatamente i possibili vettori COVID-19.

Dal 3 aprile, il City Health Office (CHO) ha finora controllato oltre 3.000 delle 160.000 famiglie della città. Del numero, hanno rintracciato 53 persone con sintomi simil-influenzali e malattie respiratorie.

Ulteriori indagini saranno condotte per verificare le rispettive storie di viaggio o possibili contatti con persone positive COVID-19 per determinare se tali residenti saranno dichiarati persone sotto inchiesta (PUI) o persone sotto monitoraggio (PUM) per la malattia.

“Mentre il sondaggio da casa a casa potrebbe portare ad un aumento del numero di PUI e PUM, lo stiamo facendo proprio per rintracciare e isolare i possibili portatori del virus mortale”, ha dichiarato il sindaco Oscar Moreno lunedì.

La campagna fa parte delle misure rafforzate della città contro la malattia respiratoria infettiva, che ha infettato 3.660 persone in tutta la nazione, 163 delle quali sono morte mentre 73 sono guarite.

 Cagayan de Oro City è stata posta sotto una quarantena in tutta la città e ogni giorno alle 21:00 alle 5:00 fu imposto il coprifuoco per impedire l’ulteriore diffusione di COVID-19.

Sulla base dei dati del Dipartimento della Salute (DOH), Cagayan de Oro City ha solo un caso positivo confermato COVID-19, un maschio di 71 anni proveniente da Greenhills, San Juan. È stato ricoverato al Northern Mindanao Medical Center ed è stato considerato guarito dopo che i test successivi sono diventati negativi.

Nonostante il significativo calo del numero di PUM in città, Moreno ha detto che non vuole essere compiacente.

Il sindaco ha dichiarato che sta monitorando attentamente la situazione e rinvierà all’opinione del DOH e della Task Force inter-agenzia per la gestione delle malattie infettive emergenti nell’imporre una quarantena di comunità rafforzata (ECQ).

“Non sto ignorando le chiamate di alcuni settori per un ECQ. Come ho detto, è importante chiedere assistenza all’IATF e al DOH. Monitoriamo e studiamo attentamente la situazione ogni giorno. Non siamo compiacenti e ci stiamo preparando per lo scenario peggiore “, ha detto.

 Moreno ha affermato che, mentre la quarantena della comunità è in vigore, la distribuzione dei pacchetti di cibo continua.

“Stiamo puntando a consegnare pacchi di alimenti alle porte di oltre 100.000 famiglie. Per la risposta COVID della nostra città, abbiamo stanziato P550 milioni “, ha affermato.

A circa metà della popolazione del paese è stato ordinato di rimanere a casa, le riunioni di massa sono state bandite e i trasporti pubblici sono stati sospesi quando l’isola principale di Luzon è stata messa in quarantena comunitaria durante la crisi COVID-19.

Questa misura drastica ha lo scopo di arrestare la diffusione del nuovo coronavirus, ma ha effettivamente fermato gli affari e il commercio a Luzon.

Gli Stati Uniti avvertono la Cina di non “sfruttare” il coronavirus per le controversie marittime

Cura Ozono sperimentata in un Ospedale di Udine in Italia

Aggiornamenti del Dr. Vladimir Zelenko: 700 pazienti con coronavirus trattati con una percentuale di successo del 99,9% usando idrossiclorochina

1 paziente ambulatoriale è deceduto dopo non aver seguito il protocollo [Video intervista esclusivo]
Team TechStartupsPOSTATO IL 3 APRILE 2020

Nella nostra continua copertura di idrossiclorochina e in che modo i medici hanno usato con successo il farmaco per curare i pazienti con coronavirus (COVID-19), ora abbiamo nuovi aggiornamenti dal Dr. Vladimir Zelenko. Il 28 marzo, abbiamo pubblicato una storia di follow-up dopo che il Dr. Zelenko, un medico di famiglia certificato a New York, ha trattato 699 pazienti con coronavirus con successo al 100% usando idrossiclorochina, zinco solfato e azitromicina (Z-Pak).

Il dottor Zelenko, che passa per Zev, ha affermato che la sua settimana è stata piena di chiamate da parte dei media e dei funzionari sanitari di paesi come Israele, Ucraina e Russia, tutti alla ricerca di informazioni sul suo trattamento. Alcuni leader mondiali, tra cui il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, stanno anche parlando delle stesse droghe di una cura.

Ora, abbiamo il terzo aggiornamento dal Dr. Zelenko. In un’intervista esclusiva con Gregory Rigano, il dott. Asher Holzer e il dott. Guy Setbon, il dott. Zelenko ha dichiarato di aver trattato 700 pazienti con coronavirus con una percentuale di successo del 99,9% usando idrossiclorochina, zinco solfato e azitromicina (Z-Pak). 694 pazienti guariti senza ricovero, 6 ricovero necessario. Dei 6 pazienti che hanno richiesto il ricovero in ospedale, 1 estubato, 1 intubato, 2 pazienti polmonite sono tornati a casa e 1 ambulatoriale è deceduto dopo aver scelto di non seguire il protocollo.

Di seguito è un’intervista esclusiva del Dr. Zelenko con Gregory Rigano, Dr Asher Holzer e Dr Guy Setbon, Dr. Zelenko.

Proposta di rendere la Quarantena più leggera

IATF (Inter-Agency Task Force) estende la quarantena di Luzon al 30 aprile
MANILA, Filippine – Dato che Luzon si prepara per una quarantena estesa  della comunità, un “blocco modificato” dovrebbe essere considerato per garantire una consegna più fluida dei beni di base e consentire ad alcune aziende di riaprire e servire le comunità, ha detto ieri il segretario alla pianificazione socioeconomica Ernesto Pernia.

In un’intervista televisiva, Pernia ha affermato che le restrizioni all’ingresso di carichi di prodotti freschi e altri prodotti agricoli provenienti dalle province dovrebbero essere allentate per sostenere l’attività agricola e garantire un approvvigionamento alimentare sufficiente mentre una quarantena mirava a contenere la diffusione della malattia di coronavirus nel 2019 (COVID- 19) è in vigore.

“In aree come Calabarzon e Luzon Centrale e alcune aree nell’alto nord di Luzon, molte di loro sono province agricole. Il trasporto di merci da Benguet, il movimento è ancora limitato. E ciò può essere un po ‘alleviato ”, ha affermato Pernia, direttore generale dell’Autorità nazionale per lo sviluppo economico (NEDA).

Anche le imprese cruciali per la fabbricazione di beni essenziali dovrebbero poter riprendere le attività per soddisfare la domanda.

“Alcune industrie manifatturiere devono tornare in vita in termini di produzione e altre attività di vendita al dettaglio che sarebbero utili in questo momento di consumo limitato da parte della popolazione”, ha affermato Pernia. “Inoltre, produzione per esportazione. Dobbiamo rilanciare quel particolare settore “.

Le imprese che potrebbero riaprire dovrebbero disporre di servizi navetta per i loro lavoratori. La regola del distanziamento sociale dovrebbe essere rigorosamente applicata.

Il presidente Duterte ha approvato l’estensione della quarantena fino al 30 aprile.

Ciò avrebbe dovuto contenere ulteriormente la diffusione di COVID-19, poiché il settore sanitario intensifica gli sforzi per aumentare la sua capacità di intraprendere test di massa a partire dal 14 aprile.

Pernia ha affermato in precedenza che deve esserci un equilibrio tra gli obiettivi sanitari ed economici della quarantena della comunità per prevenire ulteriori danni all’economia e evitare una crisi sociale.

La quarantena prevalente in tutta Luzon, iniziata il 17 marzo, ha costretto molte aziende a chiudere, spostando centinaia di migliaia di lavoratori.

La decisione del governo di prolungare la quarantena della comunità di altre due settimane è stata generalmente accolta favorevolmente.

I senatori hanno dichiarato di essere a favore della decisione di Duterte, ma hanno sottolineato che l’assistenza in contanti di emergenza ai poveri e ad altri settori vulnerabili deve essere estesa a tre mesi.

Il presidente del Senato Vicente Sotto III ha affermato che il governo deve immediatamente implementare il sistema di identificazione nazionale, la cui attuazione è stata ritardata di un anno, per contribuire notevolmente ad accelerare la consegna di contributi in denaro ai poveri.

Sotto ha dichiarato ai sensi della legge sulla Repubblica 11469 o del Bayanihan di guarire come unica legge, i programmi di miglioramento sociale possono essere estesi da due mesi come previsto dalla legge a tre mesi.

“Se la nostra economia non sembra riprendersi in tre mesi, il programma di miglioramento potrebbe essere esteso ad un altro mese. Il sistema di identificazione nazionale è stato lì da oltre un anno, dovrebbero fare una pausa veloce “, ha detto Sotto.

Budget “nessun problema”
Circa 18 milioni di famiglie dei poveri e del settore informale – comprese quelle che già beneficiano del programma pilota Pantawid Pamilyang (4P) – dovrebbero ricevere da P5.000 a P8.000 mensili per aiutarli a far fronte al COVID-19 crisi.

“Il budget non è affatto preoccupazione o problema. Il Presidente lo sa “, ha aggiunto, aggiungendo che la legge sugli stanziamenti generali del 2020 rimane intatta, tranne per” le solite spese del primo trimestre “.

“Dobbiamo sostenere l’estensione della (quarantena) per il benessere generale della società, ma mano nella mano con le misure sanitarie dovremmo ora prepararci per un programma di ripresa economica immediata come pilastro della rianimazione sociale”, ha detto il senatore Francis Tolentino .

Il senatore Joel Villanueva, presidente della commissione del Senato per il lavoro e l’occupazione, ha affermato che il governo deve anche aumentare i suoi sussidi previsti per i lavoratori sfollati, in particolare quelli delle micro, piccole e medie imprese (MSME).

Secondo quanto riferito, i gestori economici stanno cercando P35 miliardi di sussidi salariali, ma la cifra era basata sull’elenco dei membri del sistema di sicurezza sociale.

Il calcolo di Villanueva per il costo del sussidio salariale per i lavoratori MSME sulla base di un elenco di stabilimenti 2018 dell’Autorità statale filippina, della Commissione nazionale per la produttività salariale e del Dipartimento del commercio e dell’industria, è di P53 miliardi per un sussidio del 100%.

L’importo può scendere a P39,7 miliardi nell’ambito di un regime di sussidi salariali del 75%.

“Sono per l’estensione della quarantena della comunità potenziata. I test di massa inizieranno solo il 14 aprile, dovremmo davvero estendere la quarantena se vogliamo davvero rendere efficaci i nostri sforzi contro il COVID-19 ”, ha affermato il senatore Risa Hontiveros.

“Mentre sosteniamo l’estensione della quarantena rafforzata della comunità, il governo dovrebbe garantire che le persone, in particolare quelle colpite dalla crisi, ricevano l’assistenza necessaria”, ha detto.

Senato Minority L

650 nabbed for selling overpriced medical supplies

2 South Koreans recover from coronavirus after plasma therapy

Barangay captain makes LGBTQ+ quarantine violators do lewd acts as punishment

Conclusioni

Si sta parlando un parziale alleggerimento della Quarantena per assicurare un più fluido approvvigionamento del cibo e permettere ad alcune industrie di ripendere la produzione di beni di prima necessità ma con un scrupoloso rispetto delle norme di contenimento del virus come la social distance e l’uso della mascherina. Questa ipotesi riguarda le zone agricole di Luzon e Calabarzon e  non la città di Metro Manila.

Discutibili le “misure di punizione” intraprese da un capitano di un Barangay per i violatori della quarantena in un paese della regione di Pampanga, di cui vi rimando all’articolo di cui sopra. Perlomeno sono arrivate le sue scuse.

Leggo che diverse sono le possibili cure per gli ammalati al covid-19: idrossiclorochina, plasma, ozono, avigan. Chissà quando si fisserà un protocollo preciso da seguire per tutti validato e certificato. 

E notizie confuse dall’Italia, dal Piemonte in particolare, una tra queste che cita la giornata di ieri come il lunedì nero per 93 morti avuti in un solo giorno e diverse altre come se il virus fosse già debellato.

Una mia amica ieri che ha la finestra di fronte a un mercato locale mi ha fatto vedere quante persone ci transitavano senza mascherina e sena rispettare troppo la distanza sociale. 

E non mi è ancora chiaro se gli asintomatici positivi possano essere nocivi agli altri e anche per chi ne è stato affetto.

Poi ci sono dottori che dicono che è bene non lavarsi troppo le mani perchè i batteri che abbiamo sopra di esse formano una specie di barriera al covid-19, ma cozzano contro i consigli di sempre e conosciuti da tutti, e cioè di lavarsi le mani spesso perchè il sapone avrebbe inoltre una speciale molecola che ucciderebbe il covid-19. 

Potrei chiamare oggi come il giorno delle confusioni.

Giovanni, Metro Manila

 

 

Hits: 109

subscribe reciprocal influence y-tube channel

Related Posts

Venti di guerra in Asia: Philippines

Venti di guerra in Asia: Philippines

Venti di guerra in Asia: Philippines Locsin presenta un'altra protesta diplomatica mentre 240 navi cinesi sciamano nel Mar delle Filippine occidentali Patricia Lourdes Viray (Philstar.com) - April 14, 2021 - 8:34am MANILA, Filippine - Il massimo esponente diplomatico...

0 Comments

0 commenti

Rispondi

Pin It on Pinterest

Share This
×

Powered by WhatsApp Chat

×