+39 388 388 35 13 [email protected]

Coronavirus Metro Manila Cash e Previsioni

15 Aprile 2020

Comments

Coronavirus Metro Manila Cash e Previsioni

 

DOH reports COVID-19 cases breach 5,000 mark, while 53 more people recover

https://www.facebook.com/covid19tracker/photos/a.124142489153397/141053127462333/?type=3&theater
https://www.facebook.com/covid19tracker/photos/a.124142489153397/141206470780332/?type=3&theater

Makati Med ‘health hero’ and mentor dies due to COVID-19

Expanded testing on COVID-19 begins: What to expect

Philippines has most number of coronavirus cases in Southeast Asia: Johns Hopkins tally

https://www.facebook.com/covid19tracker/photos/a.124142489153397/141013807466265/?type=3&theater

DOJ summons Koko Pimentel over ‘quarantine breach’

‘Scary part’: Can provinces deal with COVID-19 case surge?

MANILA – Il blocco a livello di Luzon ha raggiunto il “relativo successo”, ma COVID-19 potrebbe ancora innescare focolai a Metro Manila e 15 province, hanno affermato gli esperti dell’Università delle Filippine.

Le Filippine attualmente hanno il maggior numero di casi COVID-19 nel sud-est asiatico con 4.932 a partire da lunedì, anche se lo studio UP ha notato che ora ci sono voluti 6 giorni per raddoppiare i casi confermati rispetto a 3 in precedenza.

“Sulla base di queste tendenze, si possono stimare da 9.000 a 44.000 possibili casi segnalati entro la fine di aprile 2020”, secondo lo studio del gruppo di risposta Pandemic UP COVID-19.

“In generale, questo indica il relativo successo della quarantena della comunità potenziata, insieme ad altri interventi, nel contenere la diffusione del virus.”

Le Filippine cercano di riavviare l’economia sotto la “nuova normalità” di COVID-19
Senza intervento, PH potrebbe vedere lo “scenario peggiore” nella pandemia di COVID-19 entro il 2021: DOH
Ma il governo dovrebbe anche prepararsi per possibili focolai in 13 aree a Luzon, 2 province nei Visayas e 1 a Mindanao, secondo uno studio, che ha citato casi segnalati da queste aree a partire dal 9 aprile.

Sulla base del modello matematico del gruppo, queste province hanno registrato una probabilità di oltre il 90 percento di sperimentare un focolaio di COVID-19.

“L’aspettativa di maggio è prevista per il prossimo anno, quindi stiamo dicendo al governo, dito kayo maghanda”, il dott. Teodoro Herbosa, vicepresidente esecutivo UP che guida il gruppo di studio, anche ABS-CBN News.

(Ci aspettiamo che vengano dopo, quindi stiamo dicendo al governo di prepararsi in questi luoghi.)

ATTIVAZIONE GRADUATA

A parte Metro Manila, lo studio ha identificato le province come: Aklan, Bataan, Batangas, Benguet, Bulacan, Cavite, Cebu, Davao Del Sur, Laguna, Nueva Ecija, Pampanga, Pangasinan, Quezon, Rizal e Tarlac.

Il modello aveva lo scopo di aiutare sia i governi nazionali che quelli locali su cosa fare dopo la fine del blocco di Luzon il 30 aprile.

Un’opzione, secondo lo studio, è quella di continuare la quarantena della comunità potenziata nelle aree ad alto rischio e implementare misure più rigorose in quelli con una probabilità ancora più elevata di scoppio, secondo lo studio.

Altri con “80 a meno del 90 percento di probabilità” di un focolaio possono essere coperti da una “quarantena generale della comunità” meno rigorosa.

Per il resto delle province, la quarantena della comunità potrebbe essere revocata, ma il governo dovrebbe ancora implementare l’allontanamento fisico, le campagne di informazione, la ricerca dei contatti e la quarantena domestica per casi probabili, secondo lo studio.

“Per quanto possa sembrare di successo, una quarantena di comunità potenziata che copre una vasta area potrebbe non essere sostenibile a lungo termine”, ha affermato.

“La nostra migliore risorsa dopo il 30 aprile è implementare l’attivazione graduata della quarantena della comunità potenziata a seconda del livello di rischio in determinate aree in un determinato momento.”

Gli esperti UP hanno chiarito che le proiezioni erano basate sulle relazioni esistenti del Dipartimento della Salute e “fortemente dipendenti dagli sforzi per scoprire nuovi casi”.

ABBIAMO ABBASTANZA LETTI OSPEDALIERI?

Il governo ha messo in quarantena l’intera isola di Luzon, che ospita oltre 57 milioni di persone, per “appiattire” la curva di infezione COVID-19 ed evitare gli ospedali sovraccarichi.

Le Filippine hanno un totale di 101.688 letti d’ospedale, secondo i dati del dipartimento di salute al 2018.

Ma gli ospedali di livello 3 — quelli “ideali” per i casi COVID-19 — hanno solo 38.763 letti o meno dei 42.954 letti ospedalieri necessari durante il picco previsto dell’infezione, ha affermato Herbosa, citando le stime preparate dal gruppo di studio UP.

La cifra si basava su un numero di riproduzione di 2, il che significa che una persona malata di COVID-19 può infettare altri 2.

Un numero di riproduzione di 3 (fino a 3 persone possono essere infettate) richiederebbe 57.272 letti ospedalieri a livello nazionale.

Se il tasso di infezione è 4, il paese avrebbe bisogno di 64.431 posti letto. In questo caso, la sola Metro Manila avrebbe bisogno di 53.612 posti letto.

SOLO 3 VENTILATORI PER BARMM

Anche i ventilatori potrebbero essere un problema, nonostante l’attuale fornitura di 1.572 unità nel Paese, basata su un sondaggio condotto dal Philippine College of Physicians (PCP) al 22 marzo di quest’anno.

Ma dall’80 al 90 percento di questi ventilatori sono attualmente in uso per altri pazienti “ecco perché il nostro problema è più grande”, ha affermato Herbosa, che è consulente medico del governo di COVID-19.

“Wala naman è un magazzino yan. Nakakabit sa pasyente. Quindi pag potrebbe essere piacevole, wala kang ikakabit ”, ha aggiunto.

(Non sono nei magazzini. Sono attaccati ai pazienti. Quindi, se hai un nuovo paziente, potresti non avere qualcosa da usare.)

Gli studi hanno dimostrato che circa il 5% dei pazienti COVID-19 è considerato gravemente malato e deve essere collegato a un ventilatore.

Gli ospedali Metro Manila hanno la maggior parte dei ventilatori con 423 unità, seguiti dalla Regione 11 con 253 e dalla Regione 7 con 160.

La regione autonoma di Bangsamoro nel Mindanao musulmano, che ha una popolazione di circa 4 milioni, ha solo 3 ventilatori, secondo il sondaggio PCP.

La regione ha 3 morti su 8 casi a partire dal 6 aprile, secondo il sito web del DOH.

“Una volta che esci dalle città metropolitane … probabilmente hai solo ospedali di livello 2 che non hanno molte ICU e probabilmente non hanno un solo ventilatore. Questa è la parte spaventosa “, ha detto Herbosa.

“Questo è il motivo per cui stiamo spingendo per ulteriori misure di salute pubblica per appiattire la curva o ridurre la trasmissione perché se si consente solo che la trasmissione avvenga, così molti dei nostri colleghi filippini moriranno”.

2 barangay councilors arrested for smuggling townmates into Pangasinan

Military ready to help trace coronavirus ‘close contacts’ – AFP civil relations chief

Sotto asks LGUs to shoulder cash aid for families not on emergency subsidy list

Chinese experts found PICC COVID-19 quarantine more stable than one in Wuhan -DPWH

Middle-income workers of small businesses to get COVID-19 cash aid

COVID-19 patients who refuse to disclose info to DOH may be penalized — Nograles

Coronavirus, dati Istat: L’Istituto segnala Bergamo, che quasi quadruplica i decessi, e Brescia, che segna più che un raddoppio. Incrementi oltre il 200% anche a Piacenza e Pesaro

Riassunto e conclusioni

Una mia amica ieri che possiamo definire Maid o Yaya come si chiamano qui (indica una domestica che lavora a casa di qualcuno e vive e pernotta  li 24/24) raggiantemente mi comunica che ha ricevuto 8k dal governo filippino (che sono circa 140 euro)  ed era felicissma. Perchè qui sapete lo stipendio medio è bassissimo a tutti i livelli è per questo motivo che le BPO (business process outsourcing) spostano il loro business in Asia in particolar modo nelle FIlippine, poi la metodicità filippina, l’amore per la burocrazia, la facilità di parlare lingue straniere e per tutti in primis l’Inglese e il lamentarsi poco, sono aspetti secondari, ma che favoriscono la scelta delle compagnie internazionali più famose al mondo di scegliere le Filippine come base satellitare per sviluppare i loro business con i loro clienti (accounts).

Ritornando agli aiuti in cash, ho visto poi in tv video di filippini in coda per ritirare il cash, tutti felici e raggianti. Come non amare l’attuale governo filippino? La verità che agli osservatori internazionali a volte sfugge è che la stragrande maggioranza dei Filippini amano Duterte e ne sono orgogliosi.

Siamo nel pieno dell’outbreak coronavirus, a Mandaluyong mi ricordo sempre quel numero di 20 positivi al covid-19 ai tempi iniziali ora siamo a 260 secondo il sito del DOH, eppure arrivano i primi deboli segnali positivi di un leggero slow down. Ieri sono dovuto uscire per andare a comprare un’antidolirifico in farmacia ed in giro c’era più movimento, i posti di blocco sempre presenti e pronti a vietare l’ingresso a chiunque se non residente in quella particolare zona, ma c’era più movimento, un leggero movimento in più, almeno questa è stata la mia impressione. Come ho detto ieri e ribasdisco oggi non penso che ci sarà un ulteriore estensione della Quarantena forzata dopo il 30 aprile, ma una selettiva dismissione, graduale e parziale. A meno che non si verifichino degli eventi imprevedibili in questi ultimi 15 giorni.

L’istituto Nazionale di Statistica italiano ha diramato i dati e conferma che

“in 33 comuni di piccole dimensioni della Lombardia i decessi nel mese di marzo sono aumentati di oltre dieci volte rispetto alla media dello stesso periodo 2015-2019″.

Penso a tutti quei fenomeni in FB e non, che fin dall’inizio hanno sempre  minimizzato i numeri del coronavirus gridando a complotti e a manipolazioni di massa, continueranno sicuro, nonostante i comprovati dati Istat, diranno che sarano falsi o non attendibili.

Vale sempre la pena di leggere quanto è più possibile e tra tutti i link agli articoli proposti vi consiglio il seguente:

Scary part’: Can provinces deal with COVID-19 case surge? 

Che fa un descrizione della situazione attuale e dei risultati raggiunti e stima possibili scenari in tutta la Nazione delle Philippines, Manila e Province e su cosa fare alla fine del blocco di Luzon il 30 aprile. Che pare appunto sia dato per scontato.

Tutto quello che Tedros Adhanom Ghebreyesus ha detto e consigliato alle nazioni di tutto il mondo su come trattare il coronavirus per combatterlo su tutti i fronti nelle Phil si sta attuando, i militari aiuteranno a tracciare i contatti personali dei positivi al coronavirus ed è in questi giorni che si stanno avviando i test di massa. Ora la sitauzione può sembrare confusa e difficile da capire (a me pare  più in Italia che nelle Phil) , ma come sarà quando il lockdown verrà gradualmente dismesso zona per zona ed in modo graduale? Sarà molto più complessa e ci vorrà una capacità organizzativa enorme che tenga conto di tutto e senza fatali errori.

Per quanto riguarda me, ho risvegliato una passione antica che avevo sulla comunicazione umana ed i suoi linguaggi e mi diverto sperimentando a fare dei video, l’ultimo di ieri che parla del terzo assioma di Paul Watzlawick, mi mancano tanto i miei libri, su cui mi ero così dedicato, sono in cantina a Torino da qualche parte, sarà bello il giorno quando li leggerò di nuovo.

Giovanni, Metro Manila

reciprocal influence y-tube channel
reciprocal influence y-tube channel

Hits: 71

subscribe reciprocal influence y-tube channel

Related Posts

Venti di guerra in Asia: Philippines

Venti di guerra in Asia: Philippines

Venti di guerra in Asia: Philippines Locsin presenta un'altra protesta diplomatica mentre 240 navi cinesi sciamano nel Mar delle Filippine occidentali Patricia Lourdes Viray (Philstar.com) - April 14, 2021 - 8:34am MANILA, Filippine - Il massimo esponente diplomatico...

0 Comments

0 commenti

Rispondi

Share This
×

Powered by WhatsApp Chat

×