+39 388 388 35 13 [email protected]

Avidità “desiderio smodato a scapito degli altri”

30 January 2022

Comments

Avidità “desiderio smodato a scapito degli altri”

Definizione di àvido

Il termine avidità deriva dal latino avidĭtas -atis; la definizione classica è “desiderio smodato”.

– Che ha smodato desiderio d’una cosa (in genere, di beni e piaceri materiali), ingordo: adi cibodi guadagnodi ricchezzedi piaceriadi predadi rapinadi conquistadi sanguedi vendetta; anche in senso positivo: adi gloriadi saperedi conoscere. Per estens., che dimostra o è mosso da avidità: ascoltare con acuriositàguardare con occhi a.; Vèr lo balcone al buio protendea L’orecchio a. (Leopardi); a. lettore, appassionato, insaziabile. ◆ Avv. avidaménte, con avidità, con desiderio impaziente: mangiareberesucchiare avidamenteguardarescrutareascoltare avidamente.

Può essere vista come una forma estrema e immorale di egoismo a scapito degli altri. 

È l’avidità, caratterizzata da una distorsione del normale desiderio di possedimenti, che diventa eccessivo e incontrollato. All’avidità e all’avarizia ha dedicato una ricerca un gruppo di psicologi sociali olandesi e russi; i risultati dello studio sono stati pubblicati sul British Journal of Psychology. Definita come “forte desiderio di più ricchezze, possedimenti, potere, eccetera, rispetto ai bisogni di un individuo”, sull’avidità si sono interrogati psicologi, scrittori e religiosi, dandone più spesso interpretazioni negative, perché è considerata la fonte dell’avarizia, della frode, della corruzione e perfino la vera causa scatenante delle guerre.

A seconda dell’oggetto di interesse l’avidità si può manifestare sotto forma di avarizia, cupidigia, ambizione sfrenata, lussuria o ingordigia». Tutte le religioni ne danno un giudizio pessimo: per i cristiani l’avarizia è uno dei sette peccati capitali e San Paolo affermava che l’amore per il denaro è la radice di tutto il male; per il buddismo è uno dei tre veleni che creano il cattivo karma.

«Per chi è avido, “abbastanza” non è mai “abbastanza” 

I soldi possono «attivare» il cervello come una droga

Sebbene l’avidità possa mirare a molti oggetti differenti, il denaro, assieme al cibo e al sesso, è tra quelli più unanimemente riconosciuti. Al denaro viene attribuito il potere di dare libertà e sicurezza, di trasformare vite, di manifestare il successo di un individuo e così via. Non c’è da meravigliarsi che per alcuni individui il denaro possa diventare una droga. 

Avidità “desiderio smodato a scapito degli altri”

Riconoscerla negli altri non è sempre facile ma, osservando questi 8 comportamenti, potrà risultare più semplice:

  1. Le persone avide sono spettatrici.
    Avete presente il collega che fa tutto il possibile per uscire prima da lavoro? E quello che sembra lavorare freneticamente ma che in realtà non lavora affatto? Ecco, state pur certi che se qualcosa dipendesse solo dal loro lavoro non alzerebbero un dito; al contempo, però, sono e saranno in prima fila per reclamare i frutti dello sforzo compiuto (da altri, ovviamente).
  2. Non condividono nulla, se non i loro problemi.
  3. Dicono di offrire il loro sostegno purché non comporti per loro oneri che, a loro avviso, spettano sempre ad altri.
  4. Le persone avide sentono di meritare gli stessi premi (materiali o meno) ottenuti da quanti si sono, a differenza loro, impegnati per guadagnarseli poiché non riconoscono lo sforzo altrui.
  5. Si appropriano di riconoscimenti (economici o meno) che non gli spettano, anche a scapito di amici,  colleghi e parenti.
  6. Cercano strade alternative, scappatoie, per aggirare regole e regolamenti per ottenere un guadagno personale. Anche se le loro azioni sono del tutto legali, esse si sottraggono alle loro responsabilità scaricando senza alcun senso di colpa i costi economici e sociali sugli altri.
  7. Le persone avide si preoccupano solo dei loro bisogni, anche a scapito di chi verrà dopo di loro: tendono a non voler risolvere alla radice i problemi propendendo per continui e temporanei palliativi.
  8. Se alcune persone riescono a tirare fuori il meglio di noi, gli avidi non solo si concentrano solo su stessipalesando così tutto il loro egoismo – ma, addirittura, si sentono meglio quando sminuiscono l’altro o quando questo sta vivendo una situazione peggiore della loro. “L’egoismo”, come osserva Eric Fromm – “è una forma di avidità. Come ogni forma di avidità, è insaziabile, per cui non c’è mai una vera soddisfazione”.

Risulta pertanto evidente che l’avarizia non interessa la sola sfera economica/materiale ma è una caratteristica dell’animo umano volta a perpetuare la dipendenza dal possesso.

Pensiamoci bene: se tutti facessimo un piccolo gesto per gli altri ogni giorno, miglioreremmo il mondo, scoprendo che – spesso – dare è persino più importante che ricevere.

La persona avida è colei che non solo non condivide, ma che spesso cerca di acquisire delle ricchezze a discapito della salute o della felicità altrui.L’avido dunque, per soddisfare la sua voglia di denaro e di materialità riesce anche a far del male alle persone che lo circondano.

 

Avidità “desiderio smodato a scapito degli altri” Soffrire di avidità

Chi soffre di avidità, cerca di vincere ed ottenere qualcosa a discapito dell’altro, non gli interessa impegnarsi e combattere lealmente per ciò che crede, preferisce defraudare, imbrogliare e mentire per raggiungere il suo scopo.

Questo fa sì che l’avido, possa anche sfociare in comportamenti borderline e antisociali, che lo portano dunque a infrangere le leggi per riuscire ad ottenere e raggiungere i suoi scopi di accumulo. L’avidità quindi nei suoi casi più eclatanti può essere considerata un comportamento antisociale.

Il termine avidità può essere inteso in modi molti; all’orientale può essere una condizione in cui predominano i desideri, all’occidentale tale condizione, per essere definita avidità, deve avere in sé qualcosa di smodato.

Nella nostra società è particolarmente pericolosa l’avidità associata al desiderio di denaro e di ricchezza, causa di crimini e ingiustizie.

Avidità “desiderio smodato a scapito degli altri” Differenza tra avidità e avarizia

L’avaro è chi ha, chi pssiede e non da. L’avido ha bisosgno di un prossimo  che puo essere chiunque, per sfruttarlo, sacrificarlo e raggiungere i suoi cupi interessi

Nel mondo c’è quanto basta per le necessità dell’uomo, ma non per la sua avidità.
(Mahatma Gandhi)

La brama di ricchezze è la radice di tutti i mali.
(San Paolo)

La ricchezza assomiglia all’acqua di mare: quanto più se ne beve, tanto più si ha sete.
(Arthur Schopenhauer)

L’avidità è un pozzo senza fondo, che esaurisce la persona nello sforzo incessante di soddisfare il bisogno senza mai raggiungere la soddisfazione.
(Erich Fromm)

L’avidità è un treno in corsa sui binari della prepotenza e dell’egoismo.
(Fabrizio Caramagna)

La massima parte dei reati viene commessa per avidità, non per bisogno.
(Michael Crichton)

Avidità (film)

Avidità (biochimica)

Avidità “desiderio smodato a scapito degli altri”

GUIDE SEO   GUIDE    DIVI-THEMES   WORDPRESS

Mercato azionario filippino

Mercato azionario filippino

Mercato azionario filippino: prima di tutto vediamo un  grafico  storico di 10 anni del mercato azionario,  ma potete impostare un periodo  diverso al seguente link …
Read More

Hits: 2

subscribe reciprocal influence y-tube channel

Related Posts

Mercato azionario filippino

Mercato azionario filippino

Mercato azionario filippino: prima di tutto vediamo un  grafico  storico di 10 anni del mercato azionario,  ma potete impostare un periodo  diverso al seguente link https://tradingeconomics.com/philippines/stock-marketStanChart aumenta le prospettive di crescita...

Come disinstallare Exactmetrics plugin

Come disinstallare Exactmetrics plugin

Come disinstallare Exactmetrics plugin Vai sulla tua lista plugins e cerca Google Analytics Dashboard per WP (GADWP) Disinstalla e tanti saluti, Giovanni p.s. ho perso 20 minuti per capirlo 

0 Comments

0 Comments

Leave a Reply

Share This
×

Powered by WhatsApp Chat

×