+39 388 388 35 13 [email protected]

Inviato ONU: il Myanmar rischia di affrontare una grande guerra civile

3 Aprile 2021

Comments

Inviato ONU: il Myanmar rischia di affrontare una grande guerra civile Di EDITH M. LEDERER  1 aprile 2021

NAZIONI UNITE (AP) – L’inviato speciale delle Nazioni Unite per il Myanmar ha avvertito mercoledì che il paese affronta la possibilità di una guerra civile “su una scala senza precedenti” e ha esortato il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a considerare “un’azione potenzialmente significativa” per invertire il colpo di stato militare del 1 febbraio e ripristinare la democrazia.

Inviato ONU: il Myanmar rischia di affrontare una grande guerra civile
I manifestanti anti-colpo di stato corrono per evitare le forze militari durante una manifestazione a Yangon, Myanmar mercoledì 31 marzo 2021. La nazione del sud-est asiatico è stata devastata dalla violenza da quando i militari hanno estromesso un governo a guida civile il 1 febbraio e hanno iniziato a proteste verso il basso. (Foto AP)

Christine Schraner Burgener non ha specificato quale azione considerasse significativa, ma ha dipinto un quadro disastroso della repressione militare e ha detto al consiglio in un briefing a porte chiuse che il Myanmar “è sull’orlo di una spirale verso uno stato fallito”.

“Questo potrebbe accadere sotto i nostri occhi”, ha detto in una presentazione virtuale ottenuta da The Associated Press, “e il fallimento nel prevenire un’ulteriore escalation di atrocità costerà al mondo molto di più a lungo termine che investire ora nella prevenzione, specialmente da parte del Myanmar vicini e la regione più ampia “.

Schraner Burgener ha esortato il consiglio “a considerare tutti gli strumenti disponibili per intraprendere un’azione collettiva” e fare ciò che merita il popolo del Myanmar – “prevenire una catastrofe multidimensionale nel cuore dell’Asia”.

Una proposta di dichiarazione alla stampa del consiglio non è stata rilasciata dopo l’incontro perché la Cina, un vicino  del Myanmar, ha chiesto ulteriore tempo per considerare il suo contenuto, probabilmente fino a giovedì, hanno detto diversi diplomatici del consiglio, parlando a condizione di anonimato perché la riunione era chiusa. 

L’ambasciatore cinese Zhang Jun ha avvertito il consiglio nelle osservazioni distribuite dalla Missione cinese delle Nazioni Unite che “la pressione unilaterale e la richiesta di sanzioni o altre misure coercitive non farà che aggravare la tensione e il confronto e complicare ulteriormente la situazione, il che non è affatto costruttivo”.

Ha esortato tutte le parti a trovare una soluzione attraverso il dialogo che allenti la situazione e continui a “far avanzare la transizione democratica in Myanmar”, avvertendo che se il paese scivolerà “in una turbolenza prolungata, sarà un disastro per il Myanmar e la regione. un’intera.”

Inviato ONU: il Myanmar rischia di affrontare una grande guerra civile

Il colpo di stato ha invertito anni di lenti progressi verso la democrazia in Myanmar, che per cinque decenni aveva languito sotto un rigido governo militare che ha portato all’isolamento internazionale e alle sanzioni. Quando i generali hanno allentato la presa, culminando nell’ascesa alla leadership di Aung San Suu Kyi nelle elezioni del 2015, la comunità internazionale ha risposto revocando la maggior parte delle sanzioni e riversando investimenti nel paese.

Nell’incontro virtuale, Schraner Burgener ha denunciato l’uccisione e l’arresto di manifestanti disarmati che cercavano di ripristinare la democrazia. Ha citato i dati dell’Associazione di assistenza per i prigionieri politici del Myanmar secondo cui a mercoledì circa 2.729 persone sono state arrestate, incriminate o condannate dal colpo di stato e circa 536 sono state uccise.

Il 10 marzo il Consiglio di sicurezza ha adottato una dichiarazione presidenziale – un gradino sotto una risoluzione – chiedendo un’inversione del colpo di stato, condannando fermamente la violenza contro i manifestanti pacifici e chiedendo “la massima moderazione” da parte dei militari. Ha sottolineato la necessità di sostenere “istituzioni e processi democratici” e ha chiesto il rilascio immediato dei leader di governo detenuti, tra cui Suu Kyi e il presidente Win Myint.

La dichiarazione è più debole della bozza iniziale diffusa dal Regno Unito, che avrebbe condannato il colpo di stato e minacciato “possibili misure ai sensi della Carta delle Nazioni Unite” – linguaggio delle sanzioni delle Nazioni Unite – “se la situazione dovesse peggiorare ulteriormente”.

Sottolineando l’urgenza dell’azione, Schraner Burgener ha detto ai membri del consiglio di temere che gravi crimini internazionali e violazioni del diritto internazionale da parte dei militari “diventeranno più sanguinosi poiché il comandante in capo sembra determinato a consolidare la sua presa illegale sul potere con la forza”.

“La mediazione richiede dialogo, ma l’esercito birmano ha chiuso le porte alla maggior parte del mondo”, ha detto durante l’incontro virtuale. “Sembra che i militari si impegnerebbero solo quando sentiranno di essere in grado di contenere la situazione attraverso la repressione e il terrore”.

“Se aspettiamo solo quando sono pronti a parlare”, Schraner Burgener ha avvertito che “un bagno di sangue è imminente”.

Inviato ONU: il Myanmar rischia di affrontare una grande guerra civile

L’inviato delle Nazioni Unite ha invitato coloro che hanno accesso ai militari, noti come Tatmadaw, a far loro conoscere i danni alla reputazione del Myanmar e la minaccia che rappresenta non solo per i suoi cittadini ma per la sicurezza dei paesi vicini.

“Una solida risposta internazionale richiede una posizione regionale unificata, in particolare con i paesi vicini che sfruttano la loro influenza verso la stabilità in Myanmar”, ha detto Schraner Burgener, aggiungendo che ha intenzione di visitare la regione, si spera la prossima settimana.

Schraner Burgener ha detto che l’intensificazione dei combattimenti nello Stato di Kayin ha inviato migliaia di persone in fuga nella vicina Thailandia e il conflitto nello Stato di Kachin con l’Esercito per l’indipendenza Kachin vicino al confine cinese si è intensificato “al suo punto più alto quest’anno”.

Anche i gruppi etnici armati ai confini orientali e occidentali del Myanmar si esprimono sempre più contro “la brutalità dei militari”, ha detto.

L’opposizione dei gruppi etnici armati alla “crudeltà dei militari … (sta) aumentando la possibilità di una guerra civile su una scala senza precedenti”, ha avvertito Schraner Burgener.

“Già i gruppi vulnerabili che necessitano di assistenza umanitaria, comprese le minoranze etniche e il popolo Rohingya, soffriranno maggiormente”, ha detto, “ma inevitabilmente, l’intero paese è sul punto di precipitare in uno stato fallito”.

Rappresentanti democraticamente eletti all’Assemblea nazionale del Myanmar che ha formato un comitato noto con le sue iniziali CRPH hanno inviato mercoledì una lettera a Guterres e all’ambasciatore britannico delle Nazioni Unite esortando il Consiglio di sicurezza a imporre “sanzioni robuste e mirate che congelano i beni non solo dei leader militari ma anche dei militari imprese e le principali fonti di reddito della giunta, come il settore del petrolio e del gas “.

Il CRPH ha anche esortato il Consiglio a imporre un embargo sulle armi contro i militari, facilitare l’assistenza umanitaria compresi gli aiuti transfrontalieri, deferire la situazione in Myanmar alla Corte penale internazionale “per indagare e perseguire i crimini atrocità commessi dai militari, tra cui genocidio, crimini di guerra. e crimini contro l’umanità ”, e valutare se sia necessario proteggere la popolazione del Myanmar da tali crimini.

L’ambasciatrice britannica Barbara Woodward, che ha convocato la riunione del consiglio, ha dichiarato in seguito che “continueremo a discutere i prossimi passi con gli altri membri del consiglio” per impedire ai militari “di perpetuare questa crisi”.

“Vogliamo prendere in considerazione tutte le misure a nostra disposizione”, ha detto, che includono le sanzioni.

L’ambasciatore statunitense Linda Thomas-Greenfield ha detto ai giornalisti prima della riunione del consiglio che se i militari non tornano nelle loro caserme e continuano ad attaccare i civili “non possiamo semplicemente fare un passo indietro e permettere che ciò accada”.

“Quindi, dobbiamo guardare a come potremmo fare di più”, ha detto.

Il vice ambasciatore russo delle Nazioni Unite, Dmitry Polyansky, ha detto ai giornalisti martedì che tutti i membri del consiglio vogliono che la violenza si fermi e il ripristino del dialogo e dell’unità nazionale. Ma ha accusato alcuni paesi e organi di stampa di “incitare i manifestanti a continuare le loro proteste”, il che equivale a interferire negli affari interni del Myanmar.

“La Russia non è una grande fan delle sanzioni” e delle “misure punitive”, ha detto Polyansky, “Non dovremmo oltrepassare questa linea molto sottile tra il tentativo di aiutare e l’interferenza negli affari interni della sovranità”.

[vstrsnln_info]

Hits: 6

subscribe reciprocal influence y-tube channel

Related Posts

Le aziende “Don Bosco” e quelle “Hubspot”

Le aziende “Don Bosco” e quelle “Hubspot”

Le aziende "Don Bosco" e quelle "Hubspot" Le aziende "Don Bosco" e quelle "Hubspot" Quando ero piccolo c'era un professore all'Università che ogni volta che parlava mi faceva sognare ad occhi aperti. Era Il Professore Maiocchi , correva l'anno 1989. In quei periodi...

Truffe telefoniche e schemi

Truffe telefoniche e schemi

Truffe telefoniche e schemi: come i truffatori possono utilizzare il tuo telefono per sfruttarti: come difendersi e rimanere aggiornati

0 Comments

0 commenti

Rispondi

Pin It on Pinterest

Share This
×

Powered by WhatsApp Chat

×