+39 388 388 35 13 [email protected]

La guerra alla droga delle Filippine registra 186 omicidi nel 1 ° trimestre del 2021 in mezzo all’aumento dei casi di COVID-19

10 Aprile 2021

Comments

La guerra alla droga delle Filippine registra 186 omicidi nel 1 ° trimestre del 2021 in mezzo all’aumento dei casi di COVID-19

Nixcharl C. Noriega, VERA Files Posted at Apr 10 2021 02:57 AM

La guerra alla droga delle Filippine registra 186 omicidi nel 1 ° trimestre del 2021 in mezzo all'aumento dei casi di COVID-19

Policemen check the gun recovered from one of two unidentified drug suspects after they were shot dead by police during a buy-bust operation in Tondo, Manila on June 6, 2018. Basilio H. Sepe, ABS-CBN News/File

Mentre il paese è alle prese con un numero record di casi di COVID-19 che hanno costretto il governo a estendere il blocco altamente restrittivo nell’area “NCR Plus”, le uccisioni legate alla droga continuano, raggiungendo quota 186 nei primi tre mesi di quest’anno.

Si tratta di un sorprendente aumento del 44% rispetto all’ultimo trimestre del 2020. O quasi due morti al giorno.

Tra i morti c’è una vittima maschile non identificata trovata a Victorias City, Negros Occidental l’8 marzo. Il suo viso era avvolto in plastica e nastro da imballaggio, i suoi arti legati insieme e le sue orecchie apparentemente strappate da un proiettile uscito dal collo. L’esame successivo ha rivelato costole rotte. Accanto al corpo c’era un cartello con la scritta “Amo le droghe” e il nome di una donna che si credeva fosse il prossimo obiettivo.

Il cadavere portava tutti i segni familiari di una discarica di corpi di una guerra alla droga, ma i funzionari di polizia non avrebbero detto categoricamente che l’omicidio fosse legato alla droga. Quel che è certo è che il crimine è stato commesso in mezzo alla violenza generata dalla guerra contro le droghe illegali che l’amministrazione Duterte ha scatenato quasi cinque anni fa.

CHI LI HA UCCISI?

Tutti gli omicidi sono stati commessi da agenti statali e vigilantes contro trafficanti di droga per lo più di piccole dimensioni, secondo uno studio in corso del Centro di studi del terzo mondo dell’Università delle Filippine e del Dipartimento di studi sui conflitti e sullo sviluppo dell’Università di Ghent. I dati per il progetto congiunto “Violenza, diritti umani e democrazia nelle Filippine” sono stati raccolti da articoli di notizie di vari media del paese.

Le forze dell’ordine, in particolare la Polizia nazionale filippina (PNP), l’Agenzia filippina per l’applicazione delle droghe e le forze armate delle Filippine, continuano a commettere la maggior parte o 137 degli omicidi segnalati per il primo trimestre.

I dati mostrano che in 107 di questi casi, le vittime sono morte durante i raid ufficiali antidroga, di solito un buy-bust come l’operazione fallita condotta il 21 febbraio a Quezon City che ha coinvolto il PNP e il PDEA. Il cosiddetto “disincontro” ha provocato cinque morti: due poliziotti di Quezon City, un agente della PDEA, un informatore e un quinto mortale la cui affiliazione è stata negata dalle autorità. Anche diversi da entrambe le parti sono rimasti feriti.

In un altro controverso incidente nella città di Valencia, Bukidnon, proprio il giorno prima, un agente di polizia in borghese è stato ripreso in un video mentre sparava tre volte a terra con una pistola prima di piantare l’arma su un sospetto morto che avrebbe coinvolto la polizia in uno scontro a fuoco. I sospetti sulla veridicità di questa solita – e stanca – narrativa poliziesca hanno spinto a richiedere un’indagine interna sull’incidente.

Secondo la ricerca, 28 delle persone uccise dalle forze statali sono state coinvolte nel traffico di droga ma sono morte durante operazioni non necessariamente mirate contro le droghe illegali. Notevole è anche la persistenza di esecuzioni in stile vigilante nonostante la maggiore visibilità di agenti di polizia e militari che applicano rigorosi protocolli di quarantena COVID-19. Dei 186 omicidi legati alla droga, 49 sono stati commessi da aggressori non identificati – di solito uomini armati mascherati, motociclisti – senza testimoni.

A parte l’incidente a Victorias City, da gennaio a marzo di quest’anno sono stati segnalati altri quattro casi di discariche di corpi. Tutti i cadaveri mostravano simili manifestazioni di ferocia. Uno trovato a Barangay 75, città di Caloocan il 21 marzo, aveva un cartello che diceva: “Tulak ako. Wag tularan. Susunod na kayo !!! “

Le immagini di questi corpi senza vita lasciati con cartelli che li implicano nel traffico illegale di droga erano comuni, specialmente durante i primi tre mesi dell’amministrazione Duterte, quando furono registrati 79 casi di discariche di corpi. Sebbene il numero sia diminuito, i casi nel primo trimestre del 2021 sono notevolmente più alti rispetto ai tre mesi precedenti, quando sono stati segnalati solo due di questi incidenti.

La guerra alla droga delle Filippine registra 186 omicidi nel 1 ° trimestre del 2021 in mezzo all’aumento dei casi di COVID-19

La guerra alla droga delle Filippine registra 186 omicidi nel 1 ° trimestre del 2021 in mezzo all'aumento dei casi di COVID-19

Vittime di guerra alla droga

Nonostante le ripetute dichiarazioni pubbliche da parte della leadership del PNP di perseguire il grande pesce dietro il traffico illegale di droga (“The PNP Chiefs ‘Scorecard on the War on Drugs;’ Bato ‘Tops in the Number of Kills, i giocatori minori continuano a sopportare La campagna. I dati rivelano che 96 o poco più della metà delle persone uccise finora quest’anno erano spacciatori di piccole dimensioni mentre l’11%, o 21 erano obiettivi di alto profilo coinvolti nella distribuzione su larga scala di narcotici o protettori di sospetti di droga .

I numeri includono 16 vittime che non sono state coinvolte nella tratta ma sono morte in incontri legati alla droga e sono considerati “danni collaterali”. Dall’inizio del mandato di Duterte nel giugno 2016 alla fine dello scorso anno, sono stati registrati 77 casi di questo tipo, inclusi sette bambini di età inferiore agli otto anni. Altri sette sono stati aggiunti all’elenco nel primo trimestre del 2021, oltre a casi di identità errata come i cinque agenti morti nel “disincontro” tra PDEA e PNP.

Le notizie incluse nello studio hanno citato varie fonti per stabilire il coinvolgimento di una vittima nel traffico di droga illegale. La maggior parte delle persone uccise durante operazioni ufficiali antidroga (111 in totale) erano state sottoposte a indagini, di cui 26 che erano sulla lista di controllo della droga del governo. Dei 26, 17 sono stati uccisi dalle forze dell’ordine.

I dati sulle 22 vittime che si erano arrese in passato, o che erano state precedentemente arrestate o condannate, dipingono un quadro diverso. Vigilanti e aggressori sconosciuti hanno ucciso 17 di coloro che rientrano in questa categoria, mentre le forze dell’ordine rappresentano solo cinque morti. Ciò è coerente con il record dell’amministrazione finora: dei 323 omicidi correlati alla droga secondo questa classificazione, gli agenti statali rappresentano solo il 37% o 121. Vigilanti e agenti non statali, inclusi aggressori sconosciuti, hanno effettuato il 63% o 202 di questi esecuzioni.

Queste cifre forniscono un quadro piuttosto cupo del destino dei trafficanti di droga condannati o confessati che, dopo essersi arresi o aver scontato un periodo in prigione, devono vivere costantemente con una pistola puntata alla testa.

Il numero reale di PH del governo fissa il numero di persone uccise durante operazioni antidroga a 6.069 dal 1 luglio 2016 al 28 febbraio 2021. Questo è molto più delle 3.417 registrate dal progetto di ricerca, che si basa sui resoconti dei media, per il stessa data di inizio fino al 31 marzo 2021.

Tuttavia, dal 1 ° dicembre 2020 al 28 febbraio 2021, Real Numbers PH ha riportato solo 89 morti per operazioni antidroga, mentre lo studio in corso ne ha contati 111. Non è chiaro se la discrepanza sia il risultato di un conteggio errato che alla fine sarà corretto o sottostima deliberata.

Ma anche se tutti gli occhi sono puntati sul pedaggio quotidiano della pandemia furiosa, rimane un bisogno vitale di monitorare e documentare il numero crescente di uccisioni di guerra alla droga nel paese, poiché da essi potrebbero dipendere possibili sforzi futuri per sollecitare giustizia e responsabilità.

(Nixcharl C. Noriega è un ricercatore associato presso il Third World Studies Center, College of Social Sciences and Philosophy, University of the Philippines Diliman. Questo pezzo fa parte del progetto di ricerca in corso, “Violence, Human Rights, and Democracy in Filippine. “L’output del progetto può essere consultato su dahas.upd.edu.ph. Per l’ultimo conteggio aggiornato degli omicidi legati alla droga nelle Filippine, segui @DahasPH su Twitter.)

(VERA Files è pubblicato da giornalisti veterani che esaminano più a fondo le questioni attuali. Vera è il latino per “vero”.)

VIDEO CORRELATO

Drug war killings increased during COVID-19 lockdown: watchdog | ANC

VIDEO E FILM SULLA GUERRA ALLA DROGA NELLE FILIPPINE 

Duterte’s hell
ON THE PRESIDENT’S ORDERS
AMO 
The Nightcrawlers
Drug war in Philippines is Hurting Children

Police Fake Evidence in Philippines’ Drug War Killings

Philippines Death Squad Killings – Interview with a former Hitman

Hits: 29

subscribe reciprocal influence y-tube channel

Related Posts

Venti di guerra in Asia: Philippines

Venti di guerra in Asia: Philippines

Venti di guerra in Asia: Philippines Locsin presenta un'altra protesta diplomatica mentre 240 navi cinesi sciamano nel Mar delle Filippine occidentali Patricia Lourdes Viray (Philstar.com) - April 14, 2021 - 8:34am MANILA, Filippine - Il massimo esponente diplomatico...

0 Comments

0 commenti

Rispondi

Pin It on Pinterest

Share This
×

Powered by WhatsApp Chat

×