+39 388 388 35 13 [email protected]

Facebook è prevenuto contro i fatti afferma il vincitore del premio Nobel

11 Ottobre 2021

Comments

Facebook è “prevenuto contro i fatti”, afferma il vincitore del Premio Nobel

La giornalista filippina Maria Ressa afferma che la società del  social media è una minaccia per la democrazia e non riesce a fermare la diffusione della disinformazione

Original article 

Premio Nobel per la pace Maria Ressa: “Un mondo senza fatti significa un mondo senza verità”

La giornalista filippina Maria Ressa,

che la scorsa settimana è stata insignita del premio Nobel per la Pace, ha lanciato un attacco pungente su Facebook, accusando la società di social media di essere una minaccia per la democrazia che è stata “di parte contro i fatti” e non è riuscita a impedire la diffusione di disinformazione.

Ha detto che i suoi algoritmi “danno priorità alla diffusione di bugie intrecciate con rabbia e odio rispetto ai fatti”.

Ressa, che ha co-fondato il sito di notizie Rappler, ha vinto venerdì il premio Nobel per il suo lavoro per “salvaguardare la libertà di espressione”, insieme al giornalista russo Dmitry Muratov.

Ressa ha affermato che Facebook è diventato il più grande distributore di notizie al mondo,

Facebook è prevenuto contro i fatti afferma il vincitore del premio Nobel

“eppure è prevenuto contro i fatti, è prevenuto contro il giornalismo…

Se non hai fatti, non puoi avere verità, non puoi avere fiducia. Se non hai nessuno di questi, non hai una democrazia”.

Il rimprovero di Ressa è arrivato giorni dopo che l’ex dipendente e informatore Frances Haugen ha affermato che la società ha messo profitti sulle persone. I politici britannici stanno anche sollevando preoccupazioni sulla capacità di Facebook di proteggere i bambini da contenuti dannosi, con un deputato conservatore anziano che lo accusa di implementare un “ridicolo sistema scout-onore” per verificare l’età dei suoi utenti.

Ora ci sono appelli all’azione incrociate da parte di Facebook e del governo sulla scia della testimonianza esplosiva di Haugen, in cui ha accusato l’azienda di guidare i giovani utenti verso contenuti dannosi. Ha anche suggerito di aumentare l’età minima per gli account sui social media da 13 a 17 anni.

Julian Knight, presidente Tory del comitato digitale, cultura, media e sport, ha invitato Facebook di essere in grado di dimostrare di far rispettare anche le regole esistenti. “Non si tratta  dell’età minima, ma più del modo in cui le società di social media la controllano al momento”, ha detto. “Si affidano a un ridicolo sistema scout-onore quando in realtà abbiamo bisogno che perseguano attivamente un’assicurazione dell’età adeguata, regolamentata e solida. È passato molto tempo da quando si sono assunti la responsabilità”.

Altre parti hanno anche chiesto al governo di intervenire e rafforzare le misure nella sua legge sui danni online, progettata per proteggere i bambini da contenuti pericolosi. Il NSPCC è tra coloro che affermano che i piani attuali non vanno abbastanza lontano. I ministri insistono sul fatto che costringerà le società di social media a rimuovere e limitare la diffusione di contenuti dannosi o ad affrontare multe di miliardi di sterline.

Jo Stevens, il segretario alla cultura ombra, ha affermato che Facebook ha dimostrato “più e più volte” che non ci si può fidare e che il governo ora deve intervenire. le cose non importa quale sia il costo, a condizione che non influisca sulla sua linea di fondo”, ha detto.

“Quattro anni dopo la promessa del governo conservatore di una dura legislazione contro i danni online, tutto ciò che abbiamo è un disegno di legge debole e annacquato che consentirà comunque a Facebook di autoregolarsi. Non importa quali limiti di età vengono adottati, non ci si può fidare di Facebook per mettere la sicurezza pubblica prima dei suoi profitti”.

Ed Davey, il leader dei Lib Dem, ha chiesto alle scuole di insegnare ai bambini come utilizzare i social media in modo sicuro e responsabile.

Il Dipartimento per il digitale, la cultura, i media e lo sport ha dichiarato: “La nostra pionieristica legge sulla sicurezza online renderà Internet un luogo più sicuro ed è il più completo al mondo nella protezione dei bambini. Richiederà alle società di Internet di imporre limiti di età in modo che i minori non possano accedere alla pornografia o a contenuti dannosi per loro, come la promozione dell’autolesionismo e dei disturbi alimentari”.

Facebook ha negato che la società abbia messo i profitti al di sopra delle persone e ha affermato che stava utilizzando metodi sofisticati per eliminare i bambini non abbastanza grandi da avere un account. “Proteggere la nostra comunità è più importante che massimizzare i nostri profitti”, ha affermato. “Dire che chiudiamo un occhio sul feedback ignora questi investimenti, comprese le 40.000 persone che lavorano per la sicurezza in Facebook e il nostro investimento di 13 miliardi di dollari dal 2016.

“Utilizziamo l’intelligenza artificiale e l’età che le persone forniscono al momento dell’iscrizione per capire se le persone dicono la verità sulla loro età quando usano le nostre piattaforme. Solo su Instagram, questi processi ci hanno aiutato a rimuovere oltre 600.000 utenti minorenni tra giugno e agosto di quest’anno. Continueremo a investire in nuovi strumenti e a lavorare a stretto contatto con i nostri partner del settore per rendere i nostri sistemi il più efficaci possibile”.

Facebook will try to ‘nudge’ teens away from harmful content

Hits: 0

subscribe reciprocal influence y-tube channel

Related Posts

Venti di guerra in Asia: Philippines

Venti di guerra in Asia: Philippines

Venti di guerra in Asia: Philippines Locsin presenta un'altra protesta diplomatica mentre 240 navi cinesi sciamano nel Mar delle Filippine occidentali Patricia Lourdes Viray (Philstar.com) - April 14, 2021 - 8:34am MANILA, Filippine - Il massimo esponente diplomatico...

0 Comments

0 commenti

Rispondi

Share This
×

Powered by WhatsApp Chat

×