+39 388 388 35 13 [email protected]

Gli Stati Uniti vengono in soccorso delle Filippine

16 Aprile 2021

Comments

Gli Stati Uniti vengono in soccorso delle Filippine nel Mar Cinese Meridionale

Gli Stati Uniti schierano navi da guerra nell’area marittima in apparente risposta alle denunce filippine di nuove incursioni cinesi nelle acque dichiarate

Gli Stati Uniti vengono in soccorso delle Filippine nel Mar Cinese Meridionale

Marines filippini e statunitensi durante una simulazione di missili terra-aria come parte dell’esercizio KAMANDAG il 10 ottobre 2019. Foto: Lance Cpl. Brienna Tuck / Corpo dei Marines degli Stati Uniti

Gli Stati Uniti vengono in soccorso delle Filippine nel Mar Cinese Meridionale

MANILA – Le Filippine e gli Stati Uniti hanno dato il via alle loro esercitazioni militari annuali di Balikatan (spalla a spalla), una dimostrazione di forza congiunta di fronte alla crescente assertività marittima della Cina sulle acque rivendicate da Manila nel Mar Cinese Meridionale.

Anche nella versione ridotta di quest’anno a causa dei protocolli sanitari Covid-19, il Balikatan coinvolgerà quasi 1.000 soldati da entrambe le parti, sottolineando l’importanza che Manila e Washington attribuiscono al loro trattato di mutua difesa.

Le precedenti esercitazioni hanno visto la partecipazione di 7.600 soldati. Il Balikatan è stato cancellato lo scorso anno a causa delle preoccupazioni del Covid-19.

Le esercitazioni riprese coincidono con schieramenti navali statunitensi e cinesi senza precedenti attraverso le acque asiatiche, incluso nel Mar Cinese Meridionale, mentre la rivalità tra le due potenze entra in una nuova e sempre più pericolosa fase.

Nell’ultimo mese, un’armata di forze della milizia marittima cinese ha invaso le isole rivendicate dalle Filippine all’interno della contesa catena di isole Spratly.

In risposta, le Filippine hanno schierato jet da combattimento e navi da pattugliamento marittimo nell’area, poiché più di 200 navi della milizia cinese circondavano la barriera corallina di Pentecoste e altre caratteristiche del territorio all’interno della zona economica esclusiva (ZEE) delle Filippine.

Il segretario agli Esteri filippino Teodoro Locsin ha recentemente ammonito che il suo Paese “sparerà” proteste diplomatiche “ogni giorno fino a quando l’ultima non se ne sarà andata come dovrebbe essere ormai se si tratta davvero di pescare”.

La Cina ha ripetutamente affermato che le barche erano pescherecci arenati che operavano all’interno delle “zone di pesca tradizionali” del paese, un’affermazione che il segretario alla Difesa filippino Delfin Lorenzana ha recentemente respinto come “palese falsità”.

Gli Stati Uniti vengono in soccorso delle Filippine nel Mar Cinese Meridionale

All’inizio di questa settimana, c’erano almeno nove navi cinesi ancora in agguato intorno al Kalayaan Group of Islands (KIG) delle Filippine nello Spratlys. “È ora di andare”, ha recentemente scritto Locsin su Twitter. “Anche se potrebbero essere zone di pesca tradizionali [cinesi], la tradizione cede alla legge”, ha aggiunto.

Martedì le Filippine hanno affermato di aver convocato il principale inviato di Pechino a Manila per fare pressioni affinché le navi cinesi lascino immediatamente la barriera corallina di Pentecoste, con i funzionari che descrivono l’escalation di litigi come una “fonte di tensione regionale”.


Nonostante i migliori sforzi del presidente filippino Rodrigo Duterte per mantenere stretti legami con Pechino, secondo quanto riferito, la pazienza strategica si sta esaurendo tra i suoi generali e gli alti membri del governo.

Negli ultimi anni, le Filippine hanno accusato la Cina di infliggere ingenti danni ecologici di almeno 100 milioni di dollari all’anno nelle sue acque, poiché Pechino ha intensificato le sue attività di bonifica e pesca attraverso il Mar Cinese Meridionale.

Allo stesso tempo, l’anno scorso il presidente Rodrigo Duterte ha lanciato un guanto di sfida agli Stati Uniti annullando unilateralmente l’accordo sulle forze in visita (VFA), che fornisce il quadro per la rotazione delle truppe e degli equipaggiamenti statunitensi attraverso il paese.

Lo ha fatto in risposta alle critiche degli Stati Uniti sui diritti del suo governo. Da allora il VFA è stato prorogato due volte, sebbene Duterte abbia invitato gli Stati Uniti a pagare di più per i privilegi concessi in base all’accordo.

Nella telefonata di domenica tra Lorenzana e il segretario alla Difesa Usa Lloyd Austin, quest’ultimo ha ribadito l’importanza della VFA tra i due Paesi, secondo un comunicato diffuso dal dipartimento della Difesa filippino. Lorenzana si è impegnata a discutere la questione con il presidente Duterte, afferma il comunicato.

 

Gli Stati Uniti vengono in soccorso delle Filippine nel Mar Cinese Meridionale
Il presidente cinese Xi Jinping mostra la strada al presidente filippino Rodrigo Duterte in una foto. Foto: AFP

Gli Stati Uniti vengono in soccorso delle Filippine nel Mar Cinese Meridionale

L’amministrazione Biden invia a Manila un forte segnale di rassicurazione. Sempre domenica, un gruppo d’attacco di una portaerei statunitense guidato dalla USS Theodore Roosevelt è entrato nel Mar Cinese Meridionale dallo Stretto di Malacca.

Il cacciatorpediniere missilistico guidato USS Mustin sta navigando anche nel Mar Cinese Orientale, secondo la Strategic Situation Probing Initiative con sede a Pechino.

Allo stesso tempo, il cacciatorpediniere missilistico guidato USS John S. McCain ha condotto un transito “di routine” attraverso lo stretto di Taiwan.

La Marina Militare dell’Esercito di Liberazione Popolare Cinese (PLAN) ha risposto in natura schierando la sua portaerei Liaoning attraverso lo stretto di Miyako al largo del Giappone sud-occidentale per “esercitazioni programmate” nel Pacifico occidentale.

Fondamentalmente, le esercitazioni cinesi erano vicino a Taiwan per “testare l’efficacia dell’addestramento delle truppe e per migliorare la capacità di salvaguardare la sovranità, la sicurezza e gli interessi di sviluppo del paese”.


In una dimostrazione di forza, la portaerei cinese è stata accompagnata dal cacciatorpediniere tipo 055 di classe Renhai all’avanguardia del PLAN, un’enorme nave da guerra con un dislocamento di oltre 12.000 tonnellate, che la rende il secondo cacciatorpediniere più potente del mondo.

I movimenti marittimi stanno facendo ondate politiche a Manila. La senatrice filippina Risa Hontiveros ha recentemente criticato la Cina come “prepotente della regione” e un potere opportunista “che esegue una serie di incursioni coordinate” nelle acque filippine in mezzo a una furiosa pandemia.

“Mostra solo come la Cina farà ciò che vuole per i suoi interessi egoistici, anche se ciò significa minacciare la pace e la stabilità nella regione”, ha detto Hontiveros in una dichiarazione all’inizio di questa settimana.

 

Gli Stati Uniti vengono in soccorso delle Filippine nel Mar Cinese Meridionale
Una flotta di navi cinesi ha scatenato una lite diplomatica dopo aver parcheggiato a Whitsun Reef al largo delle Filippine per settimane. Foto: AFP / National Task Force-West Philippine Sea

Il cinese The Global Times, un giornale nazionalista sostenuto dallo stato, ha avvertito le Filippine di “non agire in modo avventato se non fare rumore … Altrimenti, la Cina darà sicuramente una risposta forte”.

L’amministrazione Biden ha avvertito che qualsiasi “attacco armato” ai beni filippini nell’area “innescherà i nostri obblighi ai sensi del Trattato di mutua difesa USA-Filippine”.

“Un attacco armato contro le forze armate, le navi pubbliche o gli aerei delle Filippine nel Pacifico, incluso nel Mar Cinese Meridionale, attiverà i nostri obblighi ai sensi del Trattato di mutua difesa USA-Filippine”, ha detto mercoledì il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price, sottolineando la partecipazione di Washington nella resa dei conti marittima in corso.

“Saremo sempre al fianco dei nostri alleati e difenderemo l’ordine internazionale basato sulle regole”, ha aggiunto.

Gli Stati Uniti stanno sostenendo la retorica con l’azione. Poco dopo il dispiegamento della portaerei USS Theodore Roosevelt nella regione la scorsa settimana, gli Stati Uniti hanno anche annunciato che il sottomarino d’attacco di classe Virginia USS Illinois seguirà presto l’esempio.

La 36esima Esercitazione di Balikatan si svolgerà per due settimane dal 12 al 23 aprile e coprirà una gamma completa di esercizi volti a migliorare l’interoperabilità delle due parti. Questi includeranno formazione sulla sicurezza marittima, formazione di supporto aereo ravvicinato e attività di assistenza umanitaria e civica nell’isola settentrionale di Luzon.

Hits: 142

subscribe reciprocal influence y-tube channel

Related Posts

Venti di guerra in Asia: Philippines

Venti di guerra in Asia: Philippines

Venti di guerra in Asia: Philippines Locsin presenta un'altra protesta diplomatica mentre 240 navi cinesi sciamano nel Mar delle Filippine occidentali Patricia Lourdes Viray (Philstar.com) - April 14, 2021 - 8:34am MANILA, Filippine - Il massimo esponente diplomatico...

0 Comments

0 commenti

Rispondi

Pin It on Pinterest

Share This
×

Powered by WhatsApp Chat

×